Arte e spettacoli, Auguri

Auguri a uno dei comici del cinema più amati

di Angelo Cannella

Compie gli anni Eddie Murphy, uno dei comici più conosciuti del cinema, essendo nato il 3 aprile del 1961. Questo newyorkese che alterna ruoli comici e drammatici, sempre con la battuta pronta, è stato, per lunghi anni, al centro del cosmo hollywoodiano.
Figlio di un poliziotto morto quando lui aveva solo otto anni, Eddie, cresce nella comunità afro-americana di Hampstead, un'area suburbana di New York, con la madre Lillian, impiegata in una compagnia telefonica, e il patrigno Vernon Lynch.
Inizia ad esibirsi come cabarettista a soli 15 anni, nei bar di New York e da lì, a soli 19 anni, fa il suo ingresso nello spettacolo televisivo "Saturday Night Live" conquistando il pubblico americano.
Il suo esordio cinematografico avviene, grazie al film “48 Ore” (1982) di Walter Hill che lo impose nello star system tanto da fargli avere una nomination ai Golden Globe come miglior attore esordiente.
Altra candidatura ai Golden Globe, ma come miglior attore protagonista gli viene data per il film di John Landis “Una poltrona per due” (1983), dove è talmente estroso e vitale da sembrare il partner perfetto di Dan Aykroyd (che aveva recentemente perso il compagno di lavoro e amico, John Belushi).
Da quel momento in poi la carriera del comico è stata tutta in discesa. Nel 1984 esce nelle sale con un film, diventato mito, “Beverly Hills Cop- Un piedipiatti a Beverly Hills”, di Martin Brest. Il suo ruolo di maggior successo: un poliziotto di Detroit simpatico con una risata contagiosa e una parlantina più che sciolta. Questo personaggio gli regalò un’altra candidatura ai Golden Globe come miglior attore in una commedia.
“Il principe cerca moglie” (1988), con il regista John Landis, riscuote molto successo; narra la storia del principe africano che arriva a New York per trovare una fidanzata e dove Eddie Murphy si cimenta per la prima volta nell’interpretare diversi ruoli, con esiti esilaranti.
Dopo alcuni problemi legati ad alcuni insuccessi cinematografici, Eddie ritrova il successo qualche anno dopo grazie ai sequel dei film che gli portarono la celebrità: “Ancora 48 ore”, “Beverly Hills Cop II” e “Berverly Hills Cop III”.
Con il film Il professore matto di Tom Shadyac, film comico dove interpreta sette ruoli, conquista nuovamente una nomination ai Golden Globe come Miglior Attore in una commedia.
Negli anni 90, prova nuove strade come quella del doppiatore targato Disney, prestando la voce prima al draghetto di “Mulan” e poi al mitico Ciucchino di “Shrek”.
Dopo tre anni di solo doppiaggio tornerà sugli schermi con il Musical “Dreamgirls”, interpretando il cantante James "Thunder" Early, con cui riceverà la sua prima nomination agli Oscar come miglior attore non protagonista, ottenendo finalmente un Golden Globe dopo 4 candidature.
Ci riprova al cinema con “Il dottor Dolittle” (1998) che in America ha un incasso di 135 milioni di dollari e con “Bowfinger” (1998) di Frank Oz, dove ironizza sulla propria condizione di star. Nel 2011 torna alla commedia interpretando un ladro professionista, ingaggiato da Ben Stiller, in “Tower Heist - Colpo ad alto livello”.
Da ultimo, è previsto in uscita a marzo 2021 su Amazon Prime Video il sequel di uno dei suoi più grandi successi, “Il principe cerca moglie”, ovvero “Il principe cerca figlio”.
Ultimo aggiornamento: 20/04/2021 01:51