Arte e spettacoli

Giancarlo Giannini inserito nella Walk of Fame

di Angelo Cannella

Prestigioso riconoscimento per Giancarlo Giannini che viene inserito nella famosa “Walk of Fame”, entrando di diritto nell’olimpo del cinema mondiale.
La Walk of Fame, ovvero il luogo dove vengono omaggiati i più grandi nomi del cinema, musica, radio e teatro e dove si cammina a testa in giù, per non perdere neanche un nome celebre, alla ricerca del proprio preferito.
Insieme a Giancarlo Giannini, è stato scelto anche il grande e compianto tenore Luciano Pavarotti: due nuove stelle italiane brillano da oggi nella celebre Walk of Fame sulla Hollywood Boulevard di Los Angeles, andando ad aggiungersi alle altre quattordici stelle tricolori che già ornano la celebre camminata.
Dopo aver frequentato la famosa Accademia d'Arte Drammatica Silvio D'Amico a Roma, esordisce nel mondo dello spettacolo recitando in diverse e importanti rappresentazioni teatrali fra cui spiccano vari titoli shakespeariani come "Romeo e Giulietta", sotto la direzione di Franco Zeffirelli, che ha furoreggiato persino all'Old Vic di Londra.
Debutta cinematograficamente nel thriller psicanalitico “Libido” (1965) seguito dal televisivo “David Copperfield”, trasposizione in sceneggiato Rai dell'omonimo romanzo di Charles Dickens
È in questi anni che inizia la collaborazione con la leggendaria regista italiana Lina Wertmüller, vera fautrice e creatrice del successo popolare di Giancarlo Giannini. È grazie a lei che questo attore italiano acquista una fama internazionale, riconosciuta in tutto il mondo (perfino dalle più alte istituzioni cinematografiche) per le sue qualità di attore.
Alla fine degli anni Sessanta, Scola gli offrirà finalmente la smisurata popolarità nella commedia nera “Dramma della gelosia - Tutti i particolari in cronaca” (1970) con una strepitosa Monica Vitti e un altrettanto bravo Marcello Mastroianni
La prima notte di quiete (1972) di Valerio Zurlini è un successo inaspettato, sia di pubblico che di critica, e la Wertmüller, che ha partecipato con gioia al successo dell'amico attore, lo vuole come protagonista assoluto in “Mimì Metallurgico ferito nell'onore” (1972), nel ruolo di un ironico e stravagante operaio meridionale. La recitazione è così convincente e apprezzata che verrà premiata con il David di Donatello e con il Nastro d'Argento come miglior attore.
Con “Film d'amore e d'anarchia”, o “stamattina alle 10 in via dei Fiori nella nota casa di tolleranza...” (1973), gli permetterà di stringere fra le mani la Palma d'Oro come miglior attore; “Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto” (1974); “Pasqualino Settebellezze” (1975), per il quale riceverà una nomination all'Oscar come miglior attore protagonista
Giannini è anche uno straordinario doppiatore. Tra i tanti attori doppiati figurano: Jack Nicholson, Al Pacino, Michael Douglas e Dustin Hoffman, ricevendo inoltre i complimenti di Kubrick per il suo doppiaggio per “Shining” ottiene inoltre il Nastro d'Argento come miglior doppiatore maschile nel 1994 per “Carlito's Way” (1993) come voce di Pacino.
Con “Mi manda Picone”, 1983, di Nanny Loy e con “Come due coccodrilli” vince altri 2 David come miglior attore e poi con “La stanza dello scirocco” (1998) e “La cena” (1998) vincerà rispettivamente due Nastri d'Argento nelle categorie di miglior attore protagonista e non.
Con “Hannibal” vince il Nastro d'Argento come miglior attore non protagonista nel 2001 e “Ti voglio bene Eugenio”, nel quale interpreta un uomo affetto dalla sindrome di down, è ancora una volta premiata con il David come miglior attore protagonista. 

EVENTI DI OGGI

Barchessa di Levante di Villa Manin, Passariano di Codroipo.
Mostra di Angiolino
Museo delle Carrozze - San Martino di Codroipo, tutti i venerdì su prenotazione
Mostra di archeologia
SEGNALA EVENTO
GALLERY
INFO UTILI
RIVISTA STAMPATA
Ultimo aggiornamento: 13/07/2020 14:01