Poesia, Furlan, Auguri

Nonostante tutto, buon martedì grasso

di Redazione web

Purtroppo l'emergenza sanitaria non ha permesso di festeggiare il Carnevale, non solo per le strade dei paesi, ma nemmeno nelle nostre scuole. I bambini quest'anno non hanno potuto sfoggiare i loro colorati costumi.
Vogliamo augurare ai nostri lettori buon Carnevale con questa poesia in friulano di un nostro lettore che ricorda altri Carnevali che siamo sicuri ritorneranno:

Carnavâl 

Carnavâl pal borc si sbroche
in mascaradis di ogni fate,
e le int je come mate
il biel timp a saludà.

Cui al uche, cui al cjante,
sot le armoniche a dâ fûr,
lis cjançons di viere date
cul liron che i côr daûr.

Dai balcons di ogni cjase
spalancâts al biel soreli,
jes un fun che al nâs al nase
alc di bon a cuei tal vueli.

Cul profum de dongje vierte
cul soreli a slargjà i braçs,
no jê cjase che no fumi
di fritelis o colaçs.

E in chel sentôr di primevere
a cori i dîs dal carnavâl,
il tornà de vite in tiere
met smentîe su ogni mâl.

Luciano Marinig

Ultimo aggiornamento: 07/03/2021 17:24