Codroipo, Economia, Sociale

Codroipo, la città della bicicletta

di Renzo Calligaris

©RC
©RC
©RC
©RC
©RC
Nella sala dei convegni della Bcc di Codroipo si è tenuto l'altra sera un interessante incontro sul turismo slow per la valorizzazione e il rilancio economico del Medio Friuli. Ha coordinato l'iniziativa il responsabile Fiab di Codroipo Amici del Pedale Renato Chiarotto. Partendo dal tema di fondo con l'affermazione  Codroipo, città della bicicletta egli ha effettuato alcune proposte agli Amministratori comunali per una nuova mobilità in sicurezza. Ha sostenuto che il territorio di Codroipo e del Medio Friuli in genere si presta molto bene all'uso della bicicletta ed ha affermato di puntare sulle piste ciclabili che hanno uno sviluppo  nella zona di 54 chilometri abbinandolo alla prova turismo capace di trascinare le attività commerciali. 
Due sono stati i relatori ufficiali del convegno: l'ing.Chiarini, responsabile del Gruppo tecnico della Federazione italiana amici della bicicletta (Fiab onlus) e l'architetto Massimiliano Manchiaro, mobility manager e realizzatore del Piano urbano della mobilità di Pordenone. Il primo ha asserito che la Fiab è un sistema organizzativo che mette al centro la bicicletta e il suo uso. Si è soffermato a parlare del cicloturismo in Europa. Nei paesi nordici la ciclabilità è molto più sviluppata che da noi. Per favorire il cicloturismo è opportuno puntare sull'intermodalità auto-bici. Ha sposato la tesi che pianificare la mobilità è una cosa molto difficile. I nostri centri urbani col passare del tempo saranno sempre più intasati; sarà necessario incrementare le piste ciclabili dove effettivamente servono. L'urbanista Manchiaro, dal canto suo, ha presentato il bici-plan di Pordenone. Ha fatto cenno ad un piano di mobilità sostenibile, un piano cornice da comporre come un mosaico, dove ci sono delle regole di carattere europeo da rispettare. La città va strutturata ponendosi dal punto di vista dell'utenza. 
Si è quindi aperto il dibattito. E' stato animato per la coalizione del Sindaco uscente Fabio Marchetti, dall'assessore Giancarlo Bianchini che ha reso noto quanto è stato fatto in tema di traffico, di viabilità, di piste ciclabili. Ha pure asserito che simili tematiche hanno bisogno di maggiori approfondimenti per la loro complessità. Per la lista del candidato Sindaco Graziano Ganzit è intervenuto l'aspirante consigliere Sergio Sereno Battiston che si è detto di aver fiducia su quanto sostiene l'associazione Amici del pedale. E' intervenuto quindi il candidato Sindaco Alberto Soramel, assiduo utilizzatore della bicicletta. Ha reso noto che potenzierà l'interconnessione ciclabile con l'Alpe Adria che con le reti ciclabili consentirà d'intercettare il turismo di transito, migliorerà la vivibilità delle aree urbane incentivando l'uso della bicicletta, mentre la pianificazione delle ciclabili consentirà il miglioramento della sicurezza stradale. La parola è passata infine alla candidata consigliera di Altre Prospettive con Soramel Elena Heidi Selin. La giovane ha sostenuto che esistono per determinate opere nel settore, dei finanziamenti  ottenibili dall'Unione Europea.

EVENTI DI OGGI

Ex scuola elementare, Basagliapenta di Basiliano
Pre Toni al vîf
Sala Consiliare, Municipio di Rivignano, 18:00
In-Formare: Orientamento alla formazione
SEGNALA EVENTO
GALLERY
INFO UTILI
RIVISTA STAMPATA
Ultimo aggiornamento: 26/09/2017 14:43