Basiliano, Codroipo, Lestizza, Rivignano-Teor, Sedegliano, Talmassons, Varmo, Scuola

Scuole medie in Didattica Digitale Integrata

di Redazione web

Nella settimana appena trascorsa per effetto dell’ordinanza del Presidente della Regione del 3 marzo scorso, le scuole superiori di I e II grado si sono ritrovate a dover fare nuovamente i contri con la didattica online. La prossima settimana toccherà anche alle scuole elementari per effetto del passaggio da lunedì della nostra Regione in zona rossa.
Mentre in quest’anno scolastico le scuole superiori di II grado hanno già sperimentato la didattica a distanza, la didattica integrale digitale è una novità per le medie dopo i tentativi e le tante criticità dello scorso anno. Siamo andati a verificare come si sono organizzate le scuole del territorio.
Le lezioni a distanza sono partite l’8 marzo, tranne che alle medie di Codroipo e Varmo dove si sono prima dovuti tenere dei Consigli di classe per poter finalizzare l’organizzazione delle lezioni a distanza. Le modalità di erogazione della didattica integrata digitale sono state definite dal Ministero dell’Istruzione con specifiche linee guida che stabiliscono un minimo di 15 ore settimanali per scuole medie ed elementari, tranne la prima elementare, suggerendo di ridurre le singole lezioni ad un massimo di 45 minuti per lezione, perché la didattica online risulta più “pesante” da seguire rispetto a quella in presenza.
Gli Istituti del territorio hanno organizzato le lezioni in diretta online durante le mattine, ma hanno fatto scelte diverse rispetto alla loro durata e numerosità: la Scuola Secondaria di I Grado di Rivignano Teor offre 5 o 6 moduli al giorno per un totale di 25-30 lezioni alla settimana di 40 minuti ciascuna, l’Istituto di Basiliano e Sedegliano e quello di Lestizza e Talmassons erogano 16 lezioni settimanali da 45 minuti, mentre le Scuole Secondarie di I Grado di Codroipo e Varmo garantiscono 15 lezioni settimanali da 45 minuti.
La Dirigente dell’I.C. Cuore dello Stella di Rivignano Teor Elisabetta Falasca, che ringraziamo per aver condiviso con “il ponte” le prime esperienze, ha confermato che la nuova didattica digitale integrata li ha trovati “più preparati rispetto la scorsa primavera, in quanto durante l'estate e l'autunno la Scuola (i docenti e il personale) ha predisposto un protocollo per l'avvio, in caso di emergenza o di quarantena/isolamento, delle attività didattiche a distanza.” Al contempo i docenti hanno acquisito “maggiori competenze per l'utilizzo della piattaforma scelta dall'Istituto e preparato i loro alunni all'utilizzo consapevole e autonomo della piattaforma e dei dispositivi.” La Dirigente rileva però come perdurino criticità “rispetto alla scarsa connettività in alcune zone del territorio”. Per gli alunni residenti in zone poco coperte dalla rete Internet e per coloro con necessità educative particolari, l’Istituto di Rivignano Teor garantisce l'attività in presenza e il servizio di trasposto grazie alla collaborazione con le Amministrazioni comunali.
Ultimo aggiornamento: 20/04/2021 01:51