Regione, Economia

Il Covid ha colpito le famiglie più della crisi finanziaria

di Redazione web

Più della metà delle famiglie del Friuli Venezia Giulia è stata costretta a modificare i suoi stili di consumo a causa della crisi provocata dalla pandemia. 
La crisi viene percepita in modo più grave rispetto a quella che ha seguito la crisi finanziaria del 2008, avendo colpito un numero di persone più ampio.
La ricerca Libro Bianco 2021 finanziata dalla Regione e promossa da Federconsumatori e Adiconsum mostra come non solo sono stati ridotti gli sprechi e gli eccessi e si è rinunciato all’acquisto di alcuni beni e servizi, ma molte famiglie hanno reagito modificando i propri stili di consumo attraverso una maggiore ricerca di offerte e promozioni e modificando i punti di acquisto anche con un maggiore ricorso all’e-commerce.
È stato intervistato un campione di oltre 600 con il 14,2%che ha dovuto modificare in modo consistente i suoi consumi e il 39,6% in modo più lieve, per una percentuale complessiva di famiglie colpite pari al 53,8%. Le reazioni più diffuse includono la riduzione di sprechi ed eccessi (56%), le rinunce ad acquisti più impegnativi (42%), la ricerca di promozioni (39%), il ricorso a internet per motivi di prezzo (26%) e a negozi diversi (23%). Quanto alle previsioni di risparmio, ristorazione, abbigliamento, cultura e tempo libero sono i tre ambiti di spesa più colpiti dai tagli.
Il 92% ha un giudizio generalmente positivo sia sull’accessibilità sia sulla disponibilità di beni e servizi nella rete commerciale, anche se il 38% delle famiglie non è per nulla in grado o ha scarse possibilità di raggiungere negozi a piedi, e addirittura una famiglia su due (il 52%) ha difficoltà a raggiungerli utilizzando i mezzi pubblici. Dati, questi, che confermano la progressiva scomparsa dei negozi di vicinato, sempre più rari e in calo anche come appeal: il 62% delle famiglie li giudica infatti cari, contro il 29% che esprime una valutazione negativa sui prezzi della grande distribuzione, anche se nello stesso tempo si ritengono più tutelati in termini di informazioni sui prodotti quando si rivolgono a un negozio di quartiere.
Quasi tre famiglie su quattro (il 72%) hanno fatto acquisti in rete a novembre e dicembre 2020: in cima alla classifica dei prodotti più acquistati nell’ordine l’elettronica (telefoni compresi), libri e supporti multimediali, l’abbigliamento e i prodotti per la cura della persona. Al quinto posto gli articoli per lo sport e il tempo libero. Giudizio positivo sulla qualità del servizio di consegna (92% di utenti molto o abbastanza soddisfatti), sul livello di informazione sui prodotti venduti in rete (91%) come anche, sia pure con una percentuale di soddisfatti un po’ più bassa (85%) sulla tutela in caso di acquisto errato o di vizi del prodotto. I prodotti locali sono preferiti a parità di costo dall'86% degli intervistati, ma vengono giudicati più cari rispetto a quelli provenienti da più lontano: il 50% li considera infatti più costosi, contro il 39% che non riscontra sostanziali differenze e un modesto 10% che li giudica più convenenti.

EVENTI DI OGGI

Villa Valetudine, Camino al Tagliamento, 10:00 - 17:00 tutti i giorni
Mostra d'arte - Stefano Passoni
Villa Valetudine Camino al Tagl., 16,00
Vedo quello che tu non vedi
Auditorium teatrale, via IV Novembre Codroipo, 20.30
Letture
Villa Valetudine, Via Codroipo 25, Camino al Tagliamento, 10.00 - 17.00 anche sabato e domenica
Bianco & Nero - Mostra d'arte
Borgo Cavalier Moro Codroipo, 20.45
Libri
Camino al Tagl. Giardino Biblioteca, 19.00
Libri
SEGNALA EVENTO
GALLERY
INFO UTILI
RIVISTA STAMPATA
Ultimo aggiornamento: 30/06/2022 13:56